Forra del Lupo - Wolfsschlucht

Sentiero Forra del Lupo

E' uno dei percorsi tematici dedicati alla Grande Guerra (1914-1918) tra i più belli ed emozionanti del Trentino. Ciò che lo rende unico  è il tracciato, che porta l'escursionista in una gola, tra alte pareti di roccia, dove gli austro-ungarici scavarono trincee e profondi ricoveri. Poi i panorami, bellissimi, sull'alta valle di Terragnolo, sul passo della Borcola e sull'imponente massiccio montuoso del Pasubio.

LA SALITA

A Serrada, lasciamo la macchina in loc. Cogola (inizio strada per Terragnolo), sul lato sinistro dell'ampio piazzale del bar ristorante Cogola. E' il punto di partenza del percorso (bacheca). Ci avviamo salendo un breve tratto di strada e ci immettiamo nel sentiero vero e proprio svoltando a destra (segnaletica SAT137). Da subito si apre un ampio panorama sulla sottostante valle di Terragnolo. Il sentiero ci porta accanto alla Palestra di roccia e ai primi trinceramenti del Giro delle Trincee . 
Giunti in prossimità della prima postazione fortificata proseguiamo per il percorso principale (a sinistra si devia per il rientro a Serrada) e tra tratti nel bosco e tratti a cielo aperto raggiungiamo le alte pareti rocciose della Forra del Lupo: qui è possibile scendere subito nella Forra o salire sui roccioni soprastanti per vedere gli osservatori. Ripreso il cammino, scese e risalite varie rampe di scale messe in luce grazie al lavoro dei volontari del gruppo Forra del Lupo - Wolfsschlucht, raggiungiamo, sempre camminando in trincea, sul bordo del versante, l'ampia conca prativa delle Caserme. Qui dobbiamo scegliere tra due soluzioni: la più semplice e meno faticosa ci invita a immetterci sull'ex strada militare, sterrrata, e a raggiungere il Forte Dosso delle Somme superando alcuni tornanti; la più impegnativa e molto panoramica ci porta sulla sommità del dosso Smelzar e a raggiungere il Forte percorrendo un emozionante passaggio in galleria. Il Forte, il Werk Serrada, il più grande della linea fortificata degli Altipiani, è il nostro punto di arrivo.

IL RIENTRO
Visitati i ruderi del Forte Dosso delle Somme, anziché rifare il percorso dell'andata possiamo seguire a ritroso il percorso SAT136, raggiungere il vicino Rifugio Baita Tonda e scendere rapidamente a valle percorrendo il dosso sud della Martinella, fino a raggiungere (vedi segnaletica) il punto di partenza.

LA SOLUZIONE MENO IMPEGNATIVA
Giunti in località Caserme dopo aver oltrepassato il passaggio della Forra del Lupo, si può accorciare l'escursione e facilitare il rientro percorrendo verso valle la bella strada sterrata, ex militare, che sale al Forte. La percorriamo fino al punto in cui (vedi segnaletica) dalla stessa si stacca un comodo sentiero (attenzione al fondo, sdrucciolevole) che porta rapidamente a valle, a Serrada; in prossimità del paese, subito a monte dell'abitato, nel punto in cui il sentiero accompagna la pista da sci, deviare sulla sinistra per portarsi rapidamente al punto di partenza. Proseguendo diritto si giunge in piazza. In quel caso portarsi al punto di partenza svoltando a sinistra.

Difficoltà: medio
Durata: 2.45 h
Lunghezza: 9 km
Altitudine massima: 1655m
Dislivello in salita: 420 m
Dislivello in discesa: 473 m

Il presente Sito Web utilizza solo cookie di tipo tecnico e di "terze parti". Non sono implementati cookie di profilazione. Proseguendo la navigazione e cliccando con il mouse in qualsiasi punto dello schermo esterno al presente banner, verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies.